“siete trattati da far vergogna!”

Rom

la denuncia di Vallini:

“Una vergogna come vi trattano”

il Cardinale vicario del Papa lo dice nella visita all’insediamento romano al 26° km della via Pontina

«Il riscatto parte da di chi vive qui, ma bisogna liberarsi dai pregiudizi»

il cardinale Vallini

«Sento il dovere di sollecitare le istituzioni a superare al più presto questa vergogna»

Com queste parole, una denuncia ma anche una promessa, si è conclusa la visita del cardinale vicario di Roma, Agostino Vallini, all’insediamento al 26° chilometro della via Pontina, tra fango, topi e baracche rattoppate con legno e nastro adesivo. Il Cardinale vicario parla di «vergogna» e «abbandono» da superare: «Il riscatto parte dall’impegno di chi vive qui, ma i cittadini devono liberarsi dai pregiudizi», afferma a «Roma 7», il supplemento di Avvenire per la diocesi di Roma.  

«Provo una grande sofferenza nel vedere tante persone, genitori e soprattutto bambini, in una condizione di degrado inaccettabile. Ho visto però anche la volontà di riscatto e il loro desiderio di superare questa condizione. Si sentono abbandonati e lo sono. Quindi, dobbiamo prenderci carico di loro». 

Il racconto della visita di ieri, durata più di tre ore, all’insediamento al 26° chilometro della via Pontina, a poco più di venti chilometri dal centro di Roma, fotografa la drammatica situazione del campo, tra «”vie” fangose, topi e baracche rattoppate con legno e nastro adesivo». «Una situazione che fa vergogna al mondo, indegna di una città come Roma – afferma il Cardinale vicario – neanche dopo la guerra ho visto una cosa simile». Vallini, che ha parlato con molte famiglie del campo e si è informato sulla loro condizione, era accompagnato da monsignor Pierpaolo Felicolo, direttore dell’Ufficio diocesano per la pastorale delle migrazioni, e da alcuni volontari (Comunità di Sant’Egidio e parrocchie) impegnati accanto alle famiglie rom del campo. 

«Il riscatto – conclude il Vicario del Papa – parte dall’impegno di chi vive in questi campi, facendo in modo che non si trasformino in discariche, ma le istituzioni e i cittadini devono liberarsi dai preconcetti e dai pregiudizi».  

One thought on ““siete trattati da far vergogna!”

  1. Indietro non si può tornare, ma avanti sì! Si può e si deve, altrimenti ci si impantana nella melma. Dal 1973 al 1989, nomade tra i Rom, ho vissuto anni di stupore per una vitalità umana affascinante anche se tra difficoltà e peripezie inevitabili tanto da farne due pubblicazioni: “Zingaro mio fratello” 1986, “Mi basta che tu mi vuoi bene” 2012. I momenti vissuti in Jugoslavia ancora meglio con carretti e tende sdrucite accampandosi accanto a ruscelli e tra le colline del Montenegro: si era conosciuti e benvenuti per i lavori in rame e stagnature di caldaie. Le donne al mattino si recavano nei villaggi per il manghel per arrotondare con le offerte il bilancio famigliare. Da noi vietato il nomadismo… con i frequenti: “DIVIETO DI SOSTA AI NOMADI”; illegale l’elemosinare, il vivere del pane spezzato di chi ha pane in abbondanza; non permesso raccattare ferraglie o cartoni se non si è iscritti alla Camera di Commercio… Tutto giustissimo e doveroso. Ma per chi vive nella società, nella cultura altra da sempre e non ha strumenti immediati né tecnici, né morali, né di alcun genere…? A tavolino le risposte non mancano, ma la vita ha le sue esigenze differenti. Per carità, non dò soluzioni, ma solo interrogativi che io mi pongo. Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.