ladra di … sua figlia!

L’hanno accusata di aver rubato…sua figlia

Fatima

ma perché se una bimba rom è bionda e chiara di carnagione, deve per forza essere stata rubata? In molti purtroppo la pensano così, ma purtroppo solo quasi nei confronti degli zingari:

 Sabrina Milanovic ci racconta:

Voglio raccontare, brevemente, l’esperienza di una mamma rom che ha vissuto attimi di vera paura e di ansia quando l’hanno accusata di aver rubato Fatima…sua figlia!

Conosco Fatima (2 anni, nella foto) e sua mamma personalmente ed è proprio quest’ultima ad avermi dato l’input per parlare della sua storia e farla conoscere all’esterno.

Il tutto è successo al porto di Olbia sei mesi fa all’incirca. Le autorità portuali si sono allarmate dando della bugiarda alla ragazza riguardo la vera identità della bimba, che secondo loro era stata rubata dalla stessa.

Una volta fatti tutti gli accertamenti del caso si son dovuti ricredere…Ma che paura!

La stessa mamma con la sua bambina, dopo un po’ di tempo, si è ritrovata ad un supermercato. Una signora quasi incredula di vedere questa bimba bionda con una rom si è allarmata, ha chiamato i carabinieri e anche loro hanno dubitato del legame di sangue tra la donna e la piccola.

Fatti gli accertamenti dovuti, si son scusati.

Insomma, a volte le mamme rom hanno paura di uscire con i propri figli o affrontare un viaggio. E questo perché? Perché i loro figli sono semplicemente biondi.

In molti pensano che i rom rubino i bambini. Eppure è un falso mito, privo di ogni fondamento, come dimostrano anche recenti studi scientifici, come la ricerca “La zingara rapitrice“condotta dall’Università di Verona.

È vero: la maggior parte dei rom ha famiglie numerose. Ma è proprio per questo che io dico: ma con tutti i figli che già si hanno mica si va a rubare quelli degli altri!! O no?

Lo dico molto spesso alla gente che me lo chiede di persona. Sperando che un giorno, finalmente, di questi stereotipi non si parlerà davvero più!

image_pdfimage_print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.