1

twitt cretino della questura

 

la Questura di Roma twitta  contro i ROM (ma poi cancella)

dall’account  twitter uffciale della Questura di Roma parte un tweet contro i Rom

La Questura di Roma twitta contro i ROM (ma poi cancella).

E’ di poche ore fa un tweet  fatto dall’account ufficiale della Questura di Roma.

Una  battuta di dubbio gusto in cui l’autore paragona la sistemazione del ripostiglio  allo sgombero di un campo Rom. Il tweet viene subito cancellato ma un’utente risponde e salva l’immagine.

E’ la stessa utente che fa notare all’autore del tweet che paragonare la  sistemazione di pacchi et similia allo sgombero di essere umani non è  esattamente la stessa cosa. Intanto in rete monta la polemica. L’Ufficio stampa  della Questura capitolina ha diffuso un messaggio – sempre via Twitter – nel  quale prendeva le distanze dal tweet precedente e dispone verifiche per  accertare le responsabilità.

continua su: http://www.fanpage.it/la-questura-di-roma-twitta-contro-i-rom-ma-poi-cancella/#ixzz2ocDpfZ9U http://www.fanpage.it

Lettera alla Questura di Roma da parte dell’Associazione 21 luglio per il tweet anti rom

venerdì, 27 dicembre, 2013

L’associazione 21 luglio, che con il suo Osservatorio nazionale sull’incitamento alla discriminazione e all’odio razziale monitora dichiarazioni, comizi e interviste  su giornali locali, nazionali e sul web, ha inviato alla Questura di Roma una lettera nella quale sottolinea la gravità delle asserzioni a scapito delle popolazioni rom e il loro contenuto razziale, discriminatorio e lesivo della dignità umana.

«Dichiarazioni di tale tenore – si legge nella lettera dell’Associazione 21 luglio – sono suscettibili di veicolare messaggi con effetti dannosi non solo per i gruppi “target” ma anche per la popolazione maggioritaria che viene “impregnata” di stereotipi e pregiudizi. Le stesse provenendo poi da un organo di Stato hanno il duplice effetto di rendere concepibili e tollerabili esternazioni di tal fatta».

L’Associazione 21 luglio ha quindi specificato che l’episodio non può ritenersi risolto con la semplice rimozione e divulgazione di una comunicazione di verifiche in corso.

Pertanto ha chiesto alla Questura di Roma «di procedere tempestivamente e senza ritardi alle verifiche predisposte e di divulgare nel più breve tempo possibile l’esito degli accertamenti e delle relative misure correttive intraprese».